Пол-после3 51 год - самое время становиться культуристом!

51 anni – è ora di diventare un bodybuilder!

51 è il momento di diventare un bodybuilder! Paul Bigley di Toronto, che ora ha 51 anni, ha deciso di fare una grande differenza nella sua vita circa un anno fa e ha iniziato a lavorare sulla sua mente e sul suo corpo attraverso l’alimentazione e l’esercizio.

Paul-Before 51 год - самое время становиться культуристом!
Nel novembre 2010, ha gareggiato nell’Ontario Physical Association a Londra e nel Western Ontario Championship. Paul Bigley ha sempre sognato di flettersi sul palco mentre gareggiava nel bodybuilding. Ma il problema era che non sembrava un’antica statua greca.

Nel novembre 2009, questo residente di Toronto ha deciso di cambiare radicalmente la situazione e di entrare in palestra. Ora, dopo un anno di intenso allenamento, il 51enne è nella migliore forma della sua vita. Si è classificato terzo nella categoria di età superiore ai 50 anni al Concorso di bodybuilding nell’Ontario occidentale della Via Lattea del 2010.

Пол-после3 51 год - самое время становиться культуристом!

“Vivevo con vari farmaci, ero preoccupato per il diabete e pensavo di dover fare qualcosa al riguardo. E la prima cosa di cui avevo bisogno era trovare un mentore. Ecco perché sono andato alla ricerca di un allenatore di bodybuilding “, dice Bigley.

“Sono andato nel suo ufficio e sono rimasto davvero sbalordito. C’era una bellissima foto di un bodybuilder, davvero impressionante, e gli ho chiesto chi ci fosse. Ha detto che ero io in 12 mesi. Poi ho capito che avevo trovato il mio allenatore”. Bigley ha cambiato completamente la sua dieta e ha iniziato a fare esercizio sei giorni alla settimana per tre ore al giorno. “Ho rinunciato a tutto. Alcune cose erano davvero difficili da rinunciare. Adoro la birra Guinness. Ed è stato un cambiamento completo nello stile di vita – non solo fisicamente, ma anche un cambiamento nel modo di pensare “, ha detto.

“La tua dieta deve cambiare completamente quando si tratta di bodybuilding. Ci sono tre ingredienti importanti: esercizio, riposo e nutrizione”, ha detto Bigley. Il processo è diventato un test simbolico. “Ci sono elementi fisici, ma dopo sei mesi il lato fisico non è affatto quello di cui stiamo parlando in primo luogo. Ora la cosa principale è il tuo carattere e il rapporto con l’allenatore”, ha detto. “Sono rimasto davvero sorpreso. Ho pensato che ci sarebbe voluto di più per fare le cose. Ma ho capito subito che non era così – è tutto incentrato sul tuo rapporto con te stesso e sulla tua crescita personale.”

“Il mio allenatore ha messo così tanto cuore e anima nel mio risultato, e ho sentito che stavo facendo tutto questo per lui”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *